top of page

Sostenibilità e mondo del lavoro



Cosa si intende per sostenibilità nel lavoro?

Per sostenibilità si intende un determinato tipo di approccio mentale da parte della azienda nei confronti dei propri dipendenti, volto a una partecipazione attiva nel lavoro. É improntato a sviluppare le capacità di apprendimento, la dinamicità, l'apertura al cambiamento, ma soprattutto a stimolare la voglia di mettersi in gioco all'interno di una realtà d'impresa.

Per riuscire ad attuare questi miglioramenti, è necessario porre le basi di un lavoro che sia consono e adatto, che possa quindi essere definito dignitoso.


Come può esserci sostenibilità nel lavoro?

Un lavoro dignitoso, per essere definito tale, deve essere aperto all'investimento in politiche attive del lavoro, volte al benessere e al rispetto dei propri dipendenti. Un lavoro infatti, si definisce sostenibile, quando vengono rispettate alcune condizioni fondamentali:

• Adeguato stipendio • Equità • Meritocrazia • Carico degli impegni equilibrato • Bonus e premi • Sicurezza dell'ambient di lavoro • Ambiente positivo • Rispetto • Ferie retribuite • ecc ecc


Un buon dipendente, deve poter avere buone condizioni di lavoro all'interno della propria azienda, che è obbligata a garantirle. Deve ricevere infatti, un trattamento adeguato e consono al proprio ruolo, che possa portarlo a un benessere generalizzato e quindi, a una partecipazione attiva nell'ambiente aziendale.

Rendere un lavoro sostenibile, significa dunque, eliminare tutti quei fattori di stress, ansia e stanchezza che possono rendere una persona insicura e poco propensa verso la propria azienda.

Approcciarsi con incentivi specifici, mirati al creare una solida cultura aziendale, è solo uno dei metodi più vantaggiosi su cui investire. Infatti, una cultura aziendale ben consolidata e condivisa da tutti all'interno di una impresa, favorisce la coesione e la cooperazione in tutte le sue parti, migliorandone l'ambiente e stimolando la produzione.

Un dipendente soddisfatto del proprio lavoro, è un dipendente che porterà valore all'impresa, sia in termini economici che di reputazione.

Una azienda con un personale efficiente e una buona reputazione, sicuramente avrà una posizione di rilievo rispetto ai propri competitor sul mercato di riferimento.


Perchè investire nella sostenibilità?

Investire sulla sostenibilità è il futuro delle aziende che vogliono avere successo. Puntare alle condizioni di benessere e appagamento del proprio personale è importante per creare un clima sano, coeso e puntato al miglioramento e alla crescita dell'impresa in termini di efficienza e produzione.

Un lavoratore stimolato e invogliato ad apprendere, riesce a sviluppare capacità diverse e ricoprire più ruoli allo stesso tempo, massimizzando così, i costi di gestione del personale e il numero.

Meno dipendenti, ma altamente formati in più settori di produzione, che lavorano in un ambiente allineato alla cultura aziendale, sono gli obiettivi a cui mirare per un futuro certo dell'impresa.


Vantaggi e svantaggi nella sostenibilità legata al lavoro.

Vantaggi. Sono molteplici, e tutti inerenti la scelta di incentivare le politiche attive nel campo del lavoro da parte delle imprese, che potranno quindi garantire un ambiente idoneo per i propri dipendenti.

Un lavoratore appagato e soddisfatto del proprio lavoro in ogni suo aspetto, è una figura attiva nel tempo, competitiva e stimolata a produrre, in maniera tale da contribuire in modo positivo e in termini di guadagni alla vita della intera azienda. I vantaggi che si possono riscontrare nel lungo periodo non sono da sottovalutare, mostrano come gli investimenti adeguati possono creare aziende veramente longeve e solide, basate su una sana cultura aziendale.


Svantaggi. La scelta dell'imprenditore di non voler investire sulle proprie risorse umane e al loro benessere, implica notevoli svantaggi. Infatti, una azienda poco specializzata, non incline alla formazione costante del personale e "sorda" rispetto i loro bisogni specifici, rischia di andare incontro a gravi problemi strutturali, e nel peggiore dei casi, al fallimento completo. Un dipendente che non conosce bene le proprie mansioni e non è informato sulle moderne tecnologie, inevitabilmente non potrà soddisfare le richieste della propria azienda in termini di efficienza sul posto di lavoro. La mancata formazione del personale porterà a un calo della produzione, e di conseguenza dei guadagni.

bottom of page